Un milione per il Papa, meno male che era poco amato…

bergoglio in ginocchioUna folla oceanica di fedeli si è svegliata prestissimo, ha percorso chilometri a piedi e ha atteso ore sotto al sole nel Parco di Monza prima di partecipare alla messa presieduta da Papa Francesco. Lo sa bene chi ha partecipato e chi ha seguito la diretta televisiva della visita pastorale del Pontefice alla città di Milano.

«Fedeli in fuga da Bergoglio» si leggeva solo un anno fa sui siti web dei giornalisti antipapisti. «Bergoglio non è amato dai cattolici ma solo da atei e anticlericali perché sta distruggendo la fede e la Chiesa», ha scritto recentemente Antonio Socci. Erano un milione i fedeli nel Parco di Monza, 80mila i cresimandi che hanno riempito lo stadio San Siro, 100mila milanesi invece hanno recitato l’Angelus con lui sul piazzale del Duomo. Meno male che era poco amato!

Ma i nemici della Chiesa sanno come girare le carte: se i fedeli che seguono il Papa sono pochi, allora è perché sono offesi dai suoi continui rimproveri e dimostra che l’Anticristo ha allontanato la gente dalla fede e dalla partecipazione attiva. Se invece è alta la partecipazione agli eventi pubblici del Pontefice -come hanno dimostrato i numeri delle udienze generali-, allora i tradizionalisti useranno la citazione evangelica “guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi”, sostenendo che il mondo segue sempre chi vuol disintegrare la Chiesa. In ogni caso cadranno in piedi, anche se questo rivela la schizofrenia dei loro ragionamenti.

Gran parte dei cattolici fa bene a non interessarsi a queste diatribe, da parte nostra però riteniamo di dovercene occupare offrendo argomenti di risposta ai fedeli che rimangono vittime confuse dei persecutori mediatici del Pontefice. Dalle numerose email e dai messaggi di ringraziamento che abbiamo ricevuto in questi anni, ci siamo infatti convinti che sia la strada giusta, anche a costo di annoiare e allontanare i tanti lettori -credenti e non credenti- che ci hanno sempre seguito interessati da altre tematiche. Oggi tuttavia riteniamo che il pericolo maggiore per la fede sia la disinformazione contro la Chiesa e contro il Papa che arriva sopratutto da dentro, dall’apparato mediatico pseudocattolico che genera volontariamente pregiudizi, confusione e disaffezione, e che ha fatto della guerra al Papa, garante dell’unità dei fedeli, il suo unico obiettivo. Questo spiega i nostri numerosi interventi in questa direzione.

Di tutto l’evento di ieri, ad esempio, i sedevacantisti hanno tratto soltanto le brevi immagini in cui Francesco ha adorato il Santissimo Sacramento nel Duomo di Milano, seduto piuttosto che inginocchiato. Il Demonio non ama l’Eucarestia, hanno spiegato i giornalisti antipapisti. Non sappiamo l’esatto motivo di questa scelta del Papa, avendo davanti una giornata davvero impegnativa probabilmente non ha voluto sottoporre le sue già fragili ginocchia ad uno stress che avrebbe potuto condizionargli il resto della visita pastorale. Infatti, quando il suo fisico glielo permette, il Papa si inginocchia sempre davanti alle specie eucaristiche. In passato lo abbiamo mostrato in alcune fotografie e qui sotto è possibile prenderne atto in questo video.

 

Qui sotto un esempio del Papa inginocchiato durante l’Adorazione eucaristica (pubblicato anche sul nostro canale Youtube)

La redazione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...